Sabato 7 settembre 2019

Giornata della memoria dei marinai scomparsi in mare

Fontanafredda

Celebrata sabato a Ronche la Giornata della Memoria dei Marinai scomparsi in mare, ricorrenza che cade annualmente il 9 settembre, data in cui si ricordano le vittime della Corazzata Roma affondata il 9 settembre 1943. Fiore all’occhiello della Marina Italiana prestò servizio per soli 15 mesi. Venne affondata infatti dopo l’armistizio mentre si stava dirigendo verso la Maddalena. La cerimonia di commemorazione si è tenuta avanti il cippo dedicato ai Marinai nel parco di Ronche, dove c’è anche una via a loro dedicata, sabato mattina alla presenza del vice sindaco di Maniago, Umberto scartabello, dell’assessore Antonio Taiariol in rappresentanza dell’amministrazione comunale di Fontanafredda oltre che di Giorgi Favro, presidente dell’Associazione Marinai d’Italia – Gruppo di Pordenone intitolato a Giovanni Cum e Virginio Fasan, del consigliere nazionale Giorgio Seppi, del Delegato Nazionale C. Ammiraglio Roberto Semi,alla presenza inoltre dei rappresentanti delle altre Associazioni d’Arma. < La giornata – ha ricordato Favro – ricorda tutti i marinai caduti in tutte le guerre assieme ai marinai civili che hanno tenuto alto il nome della marineria e della Marina Italiana>. Favro ha ricordato poi che proprio poche settimane fa, esattamente lo scorso 18 luglio, << con decreto ministeriale è stata concessa la Medaglia d’oro al merito di Marina all’Associazione Nazionale Marinai d’Italia, non solo per i meriti di servizio proprio ma anche per le encomiabili attività di carattere assistenziale e sociale, costantemente impegnata a diffondere, soprattutto tra i giovani la cultura e coscienza marinara>>. Attività sottolineata poi anche nel corso degli altri interventi, in particolare dall’assessore Taiariol che ha ringraziato l’associazione per l’attività di diffusione e sensibilizzazione dedicata alla memoria svolta a favore delle giovani generazioni. La cerimonia si è chiusa con la lettura della preghiera del Marinaio e con la benedizione di Don Giorgio Santin, parroco del Santissimo Redentore.

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now