Intitolazione a Pordenone del terminal dei bus

 "Piazzale Caduti di Nassirya e di tutte le missioni di pace"

Il mattino del 12 novembre 2003, in Iraq, nella città di Nassirya controllata dalle truppe italiane, un camion cisterna sfonda la sbarra di ingresso del cortile, esplode e distrugge Base Maestrale dei Carabinieri. L'esplosione è talmente forte che Base Libeccio, a 400 metri, viene gravemente danneggiata. Muoiono 28 persone, delle quali 19 italiani, 12 carabinieri, 5 militari dell'Esercito e due civili.

Nella ricorrenza del 12/o anniversario della strage, alla stazione intermodale di via Oderdan, si è svolta la cerimonia di intitolazione del piazzale ai “Caduti di Nassiriya e di tutte le missioni di pace”.

Erano presenti il sindaco e presidente della Provincia Claudio Pedrotti – che ha letto i nomi delle vittime della strage prima dell’orazione ufficiale – e le massime autorità civili e militari della città.

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now